Marche: Macerata Scoperta una maxi frode di prodotti al tartufo sul web

0
25

Scoperta una maxi frode sul web di prodotti al tartufo. 11 denunciati e 50 aziende italiane coinvolte. I carabinieri della Forestale di Serravalle di Chienti (Macerata), insieme alla polizia ambientale, hanno scoperto una maxi frode alimentare che coinvolge 50 aziende in tutta Italia.

L’indagine è durata 6 mesi e ha portato alla scoperta di prodotti aromatizzati al tartufo e venduti sul web come “tartufo” di ottima qualità. Le aziende coinvolte sono circa 50 e sono sparse in tutta Italia: Lombardia, Toscana, Molise, Abruzzo, Liguria, Umbria, Campania, Calabria, Basilicata, Sicilia, Piemonte, Sardegna, Marche e Puglia. Sono state denunciate 11 persone tra proprietari e rappresentanti legali delle aziende, tra cui una multinazionale italiana, in quanto nelle etichette rappresentavano immagini di tartufi ma ,in realtà, era presente solo una sostanza aromatizzante sintetica.

Questa sostanza è conosciuta comebismetiltiometano”, un sostituto che conferisce un aroma molto forte. L’utilizzo di questo sostituto alimentare è legale e non fa male alla salute dei consumatori, ma deve essere espressamente dichiarato sulle etichette dei prodotti.  Sono circa venti le violazioni amministrative contestate, per un totale di 65mila euro, e riguardano l’errata etichettatura dei prodotti e la pubblicità all’interno dei siti web, in quanto violano le normative nazionali e comunitarie in materia.
Le normative, infatti, dichiarano che le etichette devono riportare le esatte percentuali degli ingredienti e la corretta denominazione degli stessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here