Nuove disposizioni Europee sui trasporti ADR per le merci pericolose

0
30

Arrivano nuove disposizioni dall’UE dopo la decisione della commissione Europea 2019/1094 del 17 Giugno 2019 riguardante il complesso di norme tecniche per il trasporto internazionale su ruota di merci pericolose. Dalla vecchia Direttiva del 2008, a partire dal 1 Luglio 2019, termina quindi un regime transitorio, che impone a tutti i paesi europei e non solo, di recepire e attuare le nuove direttive. 

Trasportatori ADR da Bergamo un’eccellenza tutta italiana nel settore del trasporto di merci pericolose. 

Da Oltre 50 anni la ACB Trasporti, http://www.acbsrl.it/ è leader nel settore dei trasporti nazionali ed internazionali, in particolare dei trasporti ADR di merci pericolose anche via nave e via aereo. La regolamentazione dettagliata e complessa del trasporto delle merci pericolose richiede infatti particolare attenzione ed è bene affidarsi solo a professionisti del settore, qualificati, con esperienza e naturalmente in regola per quanto concerne tutte le direttive nazionali ed internazionali che devono tener conto della tipologia di merce da trasportare, del confezionamento e del mezzo di trasporto. ACB Group si occupa ad esempio non solo di consegna e ritiro di materiali infiammabile e chimico, dispone di un parco mezzi all’avanguardia con cisterne, bilici e motrici, dotate di pompe e di compressori. E’ possibile richiedere dal sito un trasporto urgente ADR oppure spedire il proprio prodotto in tutta Italia e anche all’Estero. 

L’Italia ha recepito le direttive UE sul trasporto ADR con un Decreto Legge del 19 Febbraio 2019. 

Tra le novità della normativa, nuovi obblighi per chi spedisce ma anche per chi trasporta e riceve la merce pericolosa, controlli inoltre anche sugli operatori della filiera, ad esempio dall’imballatore al riempitore oltre che sul gestore delle cisterne mobili o dei container cisterna. Altra novità, infine, l’aggiornamento delle norme ogni 2 anni. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here